mercoledì 17 settembre 2014

No Confidence | Keep Going Nowhere | Annoying Records + Altri | 12".

Bello, bello, bello! Da Roma, questi No Confidence ci sparano 18 bordate di velocissimo e melodico hardcore. Prendete i Kid Dynamite, i 7 Seconds, gli H2o, i Descendents e i Lifetime e otterete un suono potentissimo, ottimamente suonato ed eseguito. Riff di chitarra precisi, sezione ritmica al fulmicotone ed una voce melodica ma aggressiva e graffiante. Vi lascio scoprire dove i membri suonavano prima, visto che sono tutti veterani della scena hardcore romana. Vinile in 400 copie, 100 limitate in colore verde trasparante. Li vedrei benissimo in tour con gli Anti You. Consigliatissimi!

No Confidence | Facebook
No Confidence | Bandcamp

Concerti.



lunedì 15 settembre 2014

Losers Parade | We All Lost Out | Autoprodotto | Cd.

Marco (ex Downright), dopo esserci ribeccati tramite Facebook, mi ha mandato il link del suo nuovo gruppo, ovvero i Losers Parade (dove suonano altri 2 ex Downright). Come dicono a Bologna: bombetta! Hard rock con sane iniezioni di hardcore e punk sulla scia di Annihilation Time e The Shrine, con quel tocco Black Flag (periodo di mezzo) e Bl'ast ad energizzare il tutto. 9 ottimi pezzi, copertina coloratissima, soundtrack ideale per andare in skateboard. Consigliatissimi!

Losers Parade | Facebook
Losers Parade | Bandcamp

mercoledì 10 settembre 2014

Saverio Sgaramella (Woptime, Concrete Block).


Quando sento parlare di Torino e della sua scena hardcore/punk non posso far altro che pensare a Saverio, cantante di Woptime e Concrete Block, ex skater e veterano della scena. Passato attraverso mille vicissitudini musicali e personali, mi è sembrato giusto dedicargli un'intervista visto che lo seguo da tempo. Indi per cui mettetevi comodi e gustatevi questa chiaccherata.

Saverio, comincerei con il chiederti del concerto di reunion dei Woptime il 5 settembre scorso. Che impressioni ne hai avuto? Ti sei divertito? Che sensazione hai provato nel risalire su di un palco a ricantare quei pezzi che molto considerano capisaldi dell'hardcore italiano di oggi? Come mai a suo tempo i Woptime si sciolsero?
E'stato molto emozionante, le persone, i vecchi amici erano tutti lì, sembrava fosse passato un giorno, ero emozionatissimo... I Woptime ai tempi si sciolsero a causa di numerosi problemi. Io dal mio canto ero devastato e pieno di problemi e poi eravamo diventati la cover band di noi stessi in un momento dove l'interesse verso quei suoni andava scomparendo

Tu canti anche nei Concrete Block. Siete ancora attivi come gruppo? Se dovessi tracciare somiglianze e differenze con i Woptime, come ti muoveresti?
I Concrete Block sono totalmente un altro progetto, ho voluto mettermi alla prova come musicista stavolta e tralasciare l' attitudine a tutti i costi. Siamo stand-by, trovare musicisti di livello che abbiano una continuita' a Torino e diventato impossibile.

Torino è considerata da molti una specie di "mecca" per il suono hardcore punk. Sia in tempi passati che recenti ha contribuito alla scena con ottimi gruppi. In più si dice che si respira un'aria particolare ai concerti. Sei daccordo? Che connessione trovi fra la vecchia scena degli anni '80 e quella dei nostri giorni? Tu l'hai vissuta sia nel passato che nel presente, puoi tracciarci le differenze che hai riscontrato nella tua esperienza?
Sono d'accordo con quello che dici, credo che qui le persone subiscano poco le mode e cerchino di creare qualcosa di proprio. Con la vecchia scena degli anni '80 rimango legato ad alcune persone come Papa Nico batterista dei Rough, oggi percussionista di Africa Unite e Mungo chitarrista dei Declino. La scena si evolve in base ai cambiamenti del mondo là fuori, non amo troppo le nuove band, oltre a non sapere suonare si vestono di merda e non si coinvolgono nella scena e neppure ne creano una, ai primi ostacoli spariscono...

Leggendo i tuoi testi, i tuoi post su Facebook ed in generale basandomi sul fatto che ti ho visto suonare dal vivo, tu sei conosciuto per non avere decisamente peli sulla lingua. Questo modo di approcciarti ti ha mai creato dei problemi? Per esempio in passato hai assunto posizioni critiche sul vegetarianesimo e sul veganesimo. Sei anche molto amico di Fabio (che è vegan da tempo immemore) ex Absence/Eblood Clothing e hai pure fatto da "modello" per i cataloghi Eblood in tempi passati e mi pare pure che fossi sponsorizzato. Non credi che questo possa risultare un controsenso a chi magari ti conosce poco e si imbatte in ciò?
Nessun controsenso: a me fa girare le palle chi crede che il veganesimo sia la soluzione a tutti i problemi del mondo comprando prodotti di filiera industriale. Aai quanti animali vivono su un albero che viene abbattuto per piantare legumi OGM e granaglie? Tutti a combattere per animali domestici giocattolo ma quasi nessuno si preoccupa della fauna selvatica. Inoltre di questi vegani quanti ne sopravvivebbero lontano da un supermercato attrezzato, molti di loro non sanno sbucciarsi una melanzana da soli. Detto questo esistono anche persone molto intelligenti in quel movimento e pur avendo diete diverse condividono le mie posizioni. Poi se un ragazzino subumano vuole farmi la guerra su internet che si fotta, tra due anni magari avra' una sirnga in un braccio e di me si sara' dimenticato.

Nel mini lp degli Attitude "The Good, The Bad, The Obnoxious" scorerndo la lista dei ringraziamenti c'è il tuo nome abbinato a quello degli skater italiani. Cosa ti ricordi di quel concerto? Quali sono stati a tuo giudizio i migliori concerti che hai visto in quegli anni? Come era la scena a quei tempi? Alcuni testimoni del tempo dicono fosse tutta rose e fiori, altri invece che fosse un incubo a base di violenza e droga. Tu cosa rispondi?
Concerto micidiale! I migliori concerti di quegli anni? Ludichrist, CCM e Raw Power al Leoncavallo, Attitude Adjustment, Slayer nel tour di “Raining Blood”, Anthrax nel tour di “Among the living”, Metallica nel tour “Master of Puppets” e decine di altri. Sulla violenza e la droga era cosi, tutto sommato Torino per alcune decine di persone non e' cambiata... E' cambiata la droga...

Concrete Block.

Sempre inerente a quel ringraziamento, il tuo nome è abbinato a quello dello skate. Cosa ti spinse ad imbracciare la tavola a quattro ruote? Cosa ti ricordi di quei tempi? Era difficile crearsi degli spazi in Italia a quei tempi? Mi pare che ad un certo punto tu fossi diventato un professionista e hai pure viaggiato molto? Cosa ti ricordi di quei viaggi e di quei periodi? Hai smesso del tutto oppure qualche volta ti ributti sulla tavola? Quali erano in Italia e nel mondo i tuoi skater preferiti? Oggi segui ancora lo skate?
Non seguo piu' lo skate da anni, non mi entusiasma. Andare in skate era vivere in branco per noi, eravamo una sorta di club di motociclisti piu' che dei consumatori di tendenze. Venerdi mattina ho fatto un giro in skate e mi sono stirato un polpaccio... Merda!I miei skater preferiti erano Jay Adams, Duane Peters, Christian Hosoi, Mark Gonzales, Natas Kaupas, Mike Vallely, Eric Dressen.

Sò che per qualche tempo hai fatto il tassista. Come mai sei venuto in contatto con questo mondo? Che idee ti sei fatto? Cosa ne pensi del liberalizzare le licenze e di quella tanto discussa applicazione per cellulare attraverso la quale si può prenotare un auto di lusso per i propri spostamenti ad un prezzo leggermente superiore a quello di un taxi? Te lo chiedo anche se mi pare sia stata bloccata... Hai qualche aneddoto da raccontarci sui tuoi passati "clienti"?
Niente di pazzesco le solite puttane, trans, qualcuna che si e' pisciata addosso. Dei tassisti non me ne frega piu' nulla, e' un mondo distante anni luce da me ormai.

Leggo dalla pagina Facebook dei Woptime che c'è stato un momento in cui eri quasi giunto a trasferirti negli Stati Uniti. Come mai questo non è successo? In futuro hai intenzione di riprovare ad andartene definitivamente?
Non successe perche' quell'anno non lavorai per sei mesi e non riuscii a tirare su la somma necessaria, poi la mia ragazza dell' epoca non voleva seguirmi. Finii anche con lei e rimasi in questo paese di merda.

Sei legato da una decennale amicia con Giulio dei Cripple Bastards e con l'universo Foad Records, che infatti ha prodotto il nuovo cd dei "Woptime". Ti sei trovato bene a lavorare con Foad? Sei soddisfatto del lavoro che hanno fatto e della distribuzione? Ti piacciono in generale le uscite di quell'etichetta? E dei Cripple Bastards cosa mi dici?
Con loro mi sono trovatto benissimo siamo ottimi amici. Il problema riguardo al nostro lavoro e' un'audience troppo retrograda e poco aperta all' originalita. La scarsa cultura musicale fa' il resto.

Come giudichi lo stato della scena hardcore italiana? Hai dei gruppi da consigliarci?
Seguo poco la scena, vado ai pochi concerti che sono in zona, ma non c'è nulla che mi entusiasmi al momento.

L'approccio dei gruppi in chui hai suonato e suoni è molto fisico, con un contatto diretto con i ragazzi venuti a vederti suonare. Ci sono stare delle situazioni in cui hai dovuto difenderti mentre eri sul palco? Un paio di volte sono sceso dal palco a menare dei rompicoglioni ma non ne faccio un vanto. Non gli dò troppa importanza, la mia vita e' disseminata fin dalla mia infanzia da episodi di violenza e non ne vado fiero. E' successo, punto. Chi cerca di mettermi i piedi in testa mi trova pronto questo e' quanto, nonostante tutto sia una persona gentile e molto disponibile.

Prima di formare i Woptime suonavi nel Fuori Controllo, gruppo oi! Volevo chiederti quanto l'oi! abbia influito sul tuo stile di vita, sul modo approcciarti agli altri e di vivere il punk hardcore. Torino è la città che ha dato i natali ai Rough, che insieme ai Nabat sono tra i primi e più importanti gruppi oi! del panorama italiano. Quanta influenza hanno avuto su di te? Sò che a settembre suonerai in un tributo al cantante dei Rough. Come ti stai preparando alla cosa? Senti un pò di pressione addosso?
L' Oi! ha influenzato molto la mia vita, in quanto figlio di operai ed io stesso faccio parte di quella categoria di persone che lavora sporcandosi, alternativavamente a lunghi periodi di disoccupazione. L'Oi! era questo, la mia vita.....Stiamo preparando il concerto semplicemente lavorando come dei buoni artigiani :).

Concrete Block.

Quanto ha influito sulla tua esistenza vivere in una città come Torino? Come la descriveresti nel 2014?
Cazzo, è una citta' perennemente in crisi, in ferrmento, oscura, brutale, introspettiva, parte borghese parte operaia, tagliata fuori da tutte le rotte commerciali... Immagina come puo' formarti...

Posso chiederti un parere sulla situazione economica e politica del nostro paese?
Mi fa schifo, mi fa schifo Renzi come Berlusconi, non mi piacciono gli italiani perchè li considero dei codardi che non fanno valere i loro diritti basilari, mi fa schifo la chiesa cattolica, mi fa schifo il vittimismo post disatro. Chi puo' se ne vada.

Altra cosa che salta decisamente all'occhio sono i tuoi tatuaggi. Quando hai cominciato e come mai nei hai sentito l'esigenza? Quali sono quelli a cui sei maggiormente affezionato? Non pensi che oggi il tutto risulti sdoganato?
Non sono affezionato a nessun tatuaggio in particolar modo, sono una persona “sensibile”, mi sono tatuato ogni volta che ho avvertito un grosso dolore. Cosa penso dello sdoganamento? Cazzi loro, chi si tatua come fosse un' abito di marca e' un povero fesso, son contento che i miei amici tatuatori lavorano!

Ho finito... Grazie per il tuo tempo e se vuoi aggiungere qualcosa fallo pure...
Grazie a te! Gente aprite gli occhi, questo paese affonda nella merda svegliatevi prima che sia troppo tardi!

Concrete Block | Facebook